A.S.L. 1 VENOSA

 ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

Gli operatori nel garantire le loro attività dovranno tenere presente che il personale dovrà lavorare sinergicamente per garantire:

LA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI , tramite percorsi integrati di salute condivisi tra tutti gli operatori interessati al raggiungimento dell’ obiettivo individuato, che assicurano:

q L’uniformità delle informazioni e delle azioni

Al fine di evitare sovrapposizioni di contatti , di  azioni e favorire la conoscenza del lavoro che si stà portando avanti è opportuno una circolarità interna ed esterna delle informazioni. Essa può essere raggiunta, con  una organizzazione che prevede una programmazione aziendali ed una   programmazione  settoriale di consultorio; una distribuzione di compiti; una  responsabilizzazione  degli operatori nei progetti e nelle attività;  un  coinvolgimento degli stessi nei lavori di gruppo;ed una opportuna integrazione  tra gli operatori tramite un buon  lavoro di èquipe.          

q Integrazione con i servizi dell’Asl  e con le forze territoriali.

Il legame tra i vari servizi dell’azienda  e le istituzioni che in modi divesi si occupano di tutelare il benessere e la salute delle persone è un elemento essenziale per la programmazione degli interventi e per il raggiungimento degli obiettivi .

        MODALITA’ OPERATIVE

Le attivita dei consultori sono definite ed impostate tenendo presente sia l’  attività di routine di base, che l’ attività  progettuale  definita in Percorsi di Salute . Essa  si realizza attraverso una metodologia di intervento  basata sull’utilizzo della ricerca e della progettazione integrata, come prioritari strumento di lavoro:

         Progettazione attività,interventi :

Ricognizione dei bisogni;

Selezione delle Priorità;

Individuazioni delle risorse interne ed esterne ;

                                                                Elaborazione progetti , attività, programmi;

       Produzione materiali

Gruppi di lavoro misti  (consultoriali,distrettuali,,interdipartimentali)  hanno il compito di  progettare attività , programmi di prevenzione, elaborare e produrre materiali di supporto educativi  ed   informativi     necessari a  sostenere le azioni programmate.

Formazione / Autoformazione: La formazione è un elemento essenziale per il raggiungimento degli obiettivi. Essa è garantita    con aggiornamento individuale o di gruppo con esperti esterni o con operatori interni che hanno specifiche competenze.

Espletamento attivita’: L’attività deve  è garantita su tutto il territorio in modo sinergico e coordinato, seguendo le modalità stabilite nei vari percorsi o progetti.

Monitoraggio delle attività  :     Il monitoraggio delle attività  intesa non solo come verifica e valutazione degli               interventi  è    un   momento   produttivo    che   garantisce   un aumento di partecipazione   aumento   di   collaborazioni,   senso   di   appartenenza,  di responsabilità e capacità  di  autogestione.

 

PIANO DI SALUTE AZIENDALE
     
PIANI INTEGRATI DI SALUTE CONSULTORIALE

  PROGETTAZIONE  INTERVENTI

RICOGNIZIONE BISOGNI

SELEZIONE PRIORITÀ

INDIVIDUAZIONE RETE DI COLLABORAZIONI

INDIVIAZIONE RISORSE INTERNE ESTERNE

ELABORAZIONE PROGETTO

PRODUZIONE MATERIALI

MONITORAGGIO 

ATTIVITA’ 

VERIFICHE 

VALUTAZIONE

 RIPROGETTAZIONE

 

TAVOLI di LAVORO INTEGRATI

 

  FORMAZIONE  OPERATORI

  ESPLETAMENENTO ATTIVITA’

 

Ritorna a consultori ...

Realizzazione   Sistema Informativo Automatizzato   ASL 1 Venosa CEDASL1@RETE.BASILICATA.IT