A.S.L. 1 VENOSA

Progetto di prevenzione degli incidenti in età evolutiva

Premessa

Spesso si ha  notizia di incidenti domestici ed infortuni che avvengono per cause più diverse. A volte di inconvenienti che si risolvono con un po’ di paura e basta altre con conseguenze drammatiche:Molto spesso gli incidenti sono visti come avvenimenti imprevedibili che capitano per puro caso e si tende a pensare che le cause che li provocano sono da attribuirsi a qualcosa di estraneo alla volontà dell’individuo…, ma molto spesso, disinformazione e la disattenzione fanno molto di più. E’ ovvio che gli incidenti capitano a tutte le età e sono di natura diversa: i  più piccoli sono coinvolti soprattutto in infortuni domestici, mentre quelli più grandi in incidenti stradali. Va da sé che diventa necessario impartire una educazione alla sicurezza già nella primissima infanzia e ampliarla negli anni successivi

OBIETTIVI Generali:

Aumentare le informazioni e le conoscenze in ordine ai fattori di rischio ei bambini in età evolutiva; le cause che favoriscono gli incidenti; i luoghi più rischiosi. Far conosere i primi elementi di pronto soccorso;

TARGET: Genitori ed Insegnanti delle Scuole Materne ed Ailo Nido.

AZIONI:  Incontri in classe con :

                Medico di continuità assistenzialee /o Medico di MG;

                Assistente sanitaria e/o  assistente sociale;

                 Psicologo e/o Sociologo a richiesta.

ARGOMENTI:

Cause che favoriscono gli incidenti;

L’atteggiamento rischioso;

Luoghi dove si verificano gli incidenti:La casa; L’ambiente; La scuola ; il parco giochi; ecc.

Giocattoli pericolosi; giochi Pericolosi ecc.

Le sostanze per pulire

I Farmaci;

Incidenti in vacanza;

Elementi di primo soccorso.

 METODOLOGIA: incontri con le classi per un totale di massimo 8  ore per istituto.

MATERIALI E STRUMENTI : Video; Opuscoli; Lucidi; Testi;

TEMPI: anno scolastico

OPERATORI COINVOLTI: Assistente Sanitaria  e/o Assistente sociale e /o ostetriche; Medici di continuità assistenziale e / o M.M.G.;                   Psicologo e /o Sociologo.

COLLABORAZIONI: CC.FF. - DD.SS.BB_

  COORDINAMENTO:   a cura degli Assistenti Sanitari o Assistente sociale e della coordinatrice attività consultoriale.

RESPONSABILI AZIONI : Assistenti Sanitari o Assistenti sociali o Ostetriche;

Ritorna a consultori ...

Realizzazione   Sistema Informativo Automatizzato   ASL 1 Venosa CEDASL1@RETE.BASILICATA.IT