A.S.L. 1 VENOSA

DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE

 

Direttore Dot.ssa Ornella Soligno

“EPIDEMIA OBESITA’: 

PARTIAMO DALL’INFANZIA”

 

PROGETTO DI PREVENZIONE, DIAGNOSI E CURA DELL’OBESITA’ IN ETA’ PEDIATRICA

 

 

 

In Italia la prevalenza di obesità nell’età infantile è in forte e costante aumento.La presenza di obesità in età pediatrica rappresenta un importante fattore di rischio per la persistenza di obesità in età adulta, rischio che aumenta ulteriormente in presenza di genitori obesi.Il bambino obeso è un bambino a rischio per le patologie correlate all’obesità che, se pure si manifestano in età più avanzata, si instaurano già in età infantile.Il bambino obeso sperimenta inoltre una situazione di malessere psico-fisico per scarsa stima di sé, limitazione della vita di relazione e impedimento nell’attività fisica. Il Piano Sanitario Nazionale 1998-2000 individuava nella riduzione dell’obesità “un importante obiettivo di salute collegato all’alimentazione e all’attività fisica” ed il nuovo Piano Sanitario Nazionale, in fase di avanzata elaborazione, rinforza questo orientamento. E’ ovvio che l’intervento preventivo indirizzato alla popolazione in età pediatrica si connota per una maggiore efficacia. L’obesità è un fenomeno multifattoriale, dovuto a fattori metabolici, neuroendocrini, comportamentali e sociali, in parte geneticamente determinati, in parte riconducibili all’influenza di componenti socio-economiche ed ambientali. Pertanto un intervento di prevenzione primaria e/o di cura dell’obesità deve: 

- prevedere interventi indirizzati alle modifiche del comportamento rispetto all’alimentazione ed all’attività fisica;

- avere come bersaglio la popolazione infantile, ma anche gruppi selezionati all’interno della comunità (insegnanti, genitori, casalinghe, padri);

- coinvolgere tutti gli operatori sanitari che, a vario titolo, hanno contatti con la popolazione bersaglio.

 

OBIETTIVO GENERALE

 

Riduzione dell’incidenza di obesità nella popolazione pediatrica

 

OBIETTIVI SPECIFICI

 

Modifiche del comportamento alimentare delle famiglie

Promozione di uno stile di vita attivo

Presa in carico e trattamento dei bambini obesi e delle loro famiglie

AZIONI

Corso di formazione per il personale sanitario.

Si è svolto il 5 aprile 2003, con la finalità di  promuovere lo sviluppo di una cultura nutrizionale di base, comune a tutti gli operatori sanitari coinvolti negli interventi di prevenzione, diagnosi e cura delle malattie a componente nutrizionale.

Docenti del corso sono stati la Dott.ssa Margherita Caroli, componente dell’European Childhood Obesity Task force, e il Dott. Francesco Dammacco, Direttore dell’U.O. di Endocrinologia Pediatrica dell’Ospedale Giovanni XXIII di Bari.

Sono stati trattati i seguenti argomenti:

·       metodiche di studio dello stato nutrizionale di un individuo

·       principi per una corretta nutrizione nelle diverse età

·       la dieta mediterranea

·       le linee guida per l’alimentazione

·       l’approccio integrato al bambino obeso ed alla sua famiglia

 

Hanno partecipato Medici, infermieri professionali, psicologi, assistenti sanitari.

Indagine epidemiologica sulla prevalenza di obesità nell’età pediatrica

Sono in corso due indagini epidemiologiche, una a cura degli operatori responsabili del Progetto di educazione alimentare nelle classi quarte e quinte delle scuole elementari, una a cura dei Pediatri di libera scelta. I dati rilevati consentiranno di conoscere la rilevanza del problema obesità nel nostro territorio alle varie età e, di conseguenza, di elaborare piani operativi più mirati. 

Protocollo diagnostico-terapeutico sulla presa in carico ed il trattamento dell’obesità

Pediatri ospedalieri e di libera scelta hanno concordato un percorso diagnostico-terapeutico per i bambini obesi. La diagnosi si basa sui percentili di BMI secondo Cole. Il protocollo terapeutico prevede l’approccio sistemico ed integrato (dietetico, educativo, comportamentale, psicologico) secondo le più recenti evidenze scientifiche.

Corsi teorico-pratici di educazione alimentare per i genitori

Con la collaborazione dell’Associazione genitori vengono organizzate delle iniziative per genitori sui seguenti argomenti:

·       la dieta mediterranea

·       le linee guida per l’alimentazione

·       l’educazione al gusto

·       gli alimenti spazzatura

·       la psicologia dell’alimentazione

·       le ricette per i bambini

Ambulatorio per il bambino obeso

Presso l’Unità Operativa di Pediatria dell’Ospedale di Venosa dal mese di settembre 2003, tutti i giovedì dalle ore 17 alle 19, è attivo un ambulatorio di endocrinologia e diabetologia pediatrica, presso il quale i bambini obesi possono essere presi in carico.

Ne è stata data comunicazione a tutti i medici di medicina generale e pediatri di libera scelta. E’ stato inviato loro il protocollo diagnostico-terapeutico adottato.Gruppi di autoaiuto bambini obesi e/o loro genitori

Presso l’ambulatorio di endocrinologia pediatrica i Pediatri Ospedalieri organizzano  incontri di gruppo fra i piccoli pazienti obesi ed i loro genitori, al  fine di favorire il confronto delle esperienze e facilitare l’individuazione e la correzione delle abitudini alimentari e di vita scorrette. E’ prevista la collaborazione degli psicologi dei Consultori familiari.

Revisione delle tabelle dietetiche scolastiche

Un gruppo interdipartimentale (Dipartimento materno-infantile e Dipartimento Prevenzione) ha elaborato le tabelle dietetiche per le comunità scolastiche del territorio della ASL., che  rispettano le linee guida dell’Istituto Nazionale Nutrizione. La presentazione delle nuove tabelle è programmata per l’inizio dell’anno scolastico. La loro divulgazione, attraverso i Comitati mensa, sarà uno strumento fondamentale di educazione alimentare.  

         Realizzazione   Sistema Informativo Automatizzato   ASL 1 Venosa                       CEDASL1@RETE.BASILICATA.IT